19 aprile 2021 : Mobilitazione Nazionale Scuole FISM – Prima i bambini

La Federazione Italiana Scuole Materne (FISM), che associa le scuole dell’infanzia paritarie parrocchiali e non solo, ha proposto una iniziativa di mobilitazione in programma per lunedì 19 aprile 2021.

Lo scopo è chiedere un piano di investimenti concreto e adeguato di dotazione finanziaria necessaria al sostegno dell’intero comparto educativo scolastico. La richiesta è quella di firmare una petizione online, a cui sarà possibile accedere appena ci verrà inviato il link.

Ecco la lettera per tutte le famiglie.

Occorre infatti agire urgentemente per attivare tutte le azioni volte a raggiungere una effettiva parità, obiettivo importante e ormai non più procrastinabile, indispensabile per il superamento dell’ingiustizia che oggi le famiglie, i bambini, il nostro personale, subiscono.

Il sostegno di tante famiglie sarà importante per far sentire la voce di chi ha scelto di iscrivere – in piena libertà educativa – i propri figli in una scuola pubblica paritaria.

Lunedì sera ci sarà anche una videoconferenza del segretario Luigi Morgano e del presidente FISM nazionale Stefano Giordano.

Uova e colombe pasquali: autofinanziamento

Anche quest’anno non vogliamo rinunciare all’iniziativa di offrire uova di cioccolato e colombe pasquali a quanti vogliono sostenere la nostra scuola. Purtroppo in quest’anno tante iniziative che ci facevano ritrovare insieme e che davano un grande aiuto economico per la gestione, come le cene, non abbiamo potuto realizzarle …

Un grazie ai Lions che continuano a sostenerci !!!

Chiusura della Scuola

In seguito all’Ordinanza Regionale, firmata dal presidente Bonaccini, da lunedì 8 marzo fino a domenica 21 marzo 2021 la Romagna entrerà in ZONA ROSSA.

Ciò significa che tutte le scuole sospenderanno la loro attività “in presenza”, anche le scuole dell’infanzia e i servizi educativi Nido-Primavera.

Purtroppo anche la Scuola dell’Infanzia “Maria Ausiliatrice” è costretta a chiudere le porte per quindici giorni.

Siamo vicini ai genitori che in questa situazione si trovano ad affrontare un disagio non piccolo.

Un altro grande grazie !!!

In occasione della festa dell’8 settembre a Fusignano in Ricreatorio è stato possibile ammirare diverse installazioni di mattoncini LEGO, sapientemente posizionale, per la gioia di piccoli e grandi. La New Generation Events, neo-associazione nata per sostenere e creare occasioni per incontrarsi e divertirsi in paese, ha organizzato anche una pesca i cui proventi (200€) sono stati devoluti alla scuola dell’Infanzia “Maria Ausiliatrice”.

Grazie di cuore e auguri per prossime iniziative!!!

Un grazie grande a coloro che ci sostengono …

La Scuola dell’Infanzia “Maria Ausiliatrice” di Fusignano ringrazia di cuore la Fondazione Cassa di Risparmio e Banca del Monte di Lugo che in collaborazione con Credit Agricole Italia, ha erogato un contributo economico di 1084,95€, a sostegno delle spese di sanificazione che sono state sostenute in occasione del Centro Ricreativo Estivo svolto nei mesi di giugno e luglio.

Ogni goccia ha il suo valore e insieme possono dar vita ad una sorgente capace di dissetare tanta gente. A noi il compito di poterle raccogliere tutte, grati e riconoscenti perché ciascuna è segno inequivocabile della Provvidenza.

Uno sguardo al futuro: anno scolastico 2020-21

Fusignano, 22 luglio 2020

Cari genitori,

desidero dare qualche comunicazione riguardo al servizio offerto dalla nostra scuola soprattutto in prospettiva futura, pur continuando questa situazione di indecisione dovuta alla impossibilità di fare previsioni certe.

Le conseguenze dei mesi di chiusura dovuti alla pandemia toccano tutti, nessuno può considerarsi esente. Al momento, penso che per voi genitori uno dei maggiori bisogni sia quello di garanzia e sicurezza nei confronti del prossimo anno scolastico per i vostri figli e figlie.

Questa estate la scuola dell’infanzia “Maria Ausiliatrice” è stata da subito attenta a valutare e a organizzare l’esperienza del CREM non appena ce n’è stata la possibilità. Dal 15 giugno fino alla fine di luglio abbiamo messo tutta la nostra disponibilità ad accogliere le varie richieste delle famiglie, tenendo presente contemporaneamente tutte le disposizioni di legge. A causa del necessario rapporto numerico educatrice-bambini (1 a 5) la retta settimanale è stata abbastanza pesante, me ne rendo conto. Nonostante questo, vi confesso, non è comunque sufficiente per coprire i costi del personale. Ma invece di rimanere chiusi e negare il servizio estivo (anche se ridotto negli orari) abbiamo preferito accettare la passività cercando di trovare un compromesso accettabile. Immagino che però diverse famiglie abbiano dovuto rinunciare a far partecipare il proprio figlio o figlia e abbiano dovuto trovare alternative.

Guardando al nuovo anno scolastico le disposizioni allo stato attuale non parlano di rapporti numerici tra educatrice e bambini già determinati, ma piuttosto di distanziamento statico (quando i bambini sono seduti) di un metro. La nostra scuola per fortuna ha spazi molto ampi e quindi ad una prima ricognizione con la nostra RSPP (responsabile del servizio prevenzione e protezione per la sicurezza) sembra che potremo accogliere tutti i bimbi finora iscritti e anche aggiungerne. Si tratta di organizzare meglio gli spazi e cambiare qualche arredo.

A dire la verità si attendono nuove indicazioni, speriamo a breve, un po’ più precise, soprattutto che riguardino la fascia 0-3 anni, per la quale parlare di distanziamento non è proprio così semplice per diversi motivi che potete immaginare.

Vogliamo comunque rassicurare tutti voi dicendovi che la Scuola “Maria Ausiliatrice” aprirà lunedì 14 settembre 2020, secondo quanto recita il regolamento interno. Certamente viste ancora le diverse incertezze non abbiamo informazioni sicure sulla organizzazione interna dei gruppi abbinati alle educatrici. Il criterio comunque che cercheremo di seguire è quello della continuità dove sia possibile.

Infine una parola rassicurante anche sulle rette. Considerando che non dovrebbe esserci la necessità di assumere altro personale – se non quello in sostituzione delle situazioni di aspettativa – e quindi di aumentare sensibilmente a bilancio i costi degli stipendi abbiamo deciso che le quote quest’anno non saranno toccate, a meno che non ci sia una diminuzione sensibilmente rilevante degli iscritti. In tal caso l’aumento rimarrà comunque contenuto entro il 10% di quanto chiesto lo scorso anno. La speranza è quella di crescere. Per la scuola, e la comunità parrocchiale che ci sta dietro, è un provare ancora una volta a fidarsi della Provvidenza, facendo una scelta per il bene dei bimbi e delle famiglie e nello stesso tempo il tendere una mano per cercare tante persone che credono in questo lavoro educativo e possono dare un aiuto concreto.

Con ciò spero che ciascuno di voi in questa estate così particolare possa avere la possibilità di riposarsi, ritemprarsi e ripartire a lottare per realizzare i propri sogni.

Vi saluto e vi auguro ogni bene

don Marco